Skip to content

Analisi e studio dei fenomeni criminali e mafiosi

  • News

Il percorso online di formazione Analisi e studio dei fenomeni criminali e mafiosi trova origine nella creazione, in seno alla Pontificia Accademia Mariana Internazionale, del Dipartimento di analisi, studio e monitoraggio dei fenomeni criminali e mafiosi, iniziativa per cui si è così rallegrato, il 15 agosto 2020, papa Francesco: «Ho appreso con piacere che codesta Pontificia Accademia ha promosso un Convegno per dare inizio ufficialmente al Dipartimento di analisi e di studio dei fenomeni criminali e mafiosi, per liberare la figura della Madonna dall'influsso delle organizzazioni malavitose. […] Desidero esprimere il mio apprezzamento per l’importante iniziativa».

Articolazione del percorso

Il percorso prenderà avvio lunedì 11 gennaio 2020 e prevedrà l’approfondimento di fondamentali temi legati al crimine organizzato:

religiosità dei mafiosi; dimensione transnazionale e globale delle mafie, con riguardo anche all’interazione tra mafie autoctone e mafie straniere; ecomafia e disastro ambientale in termini naturali e sociali; terrorismo nazionale; violenza di genere e violenza intrafamiliare.

L’ analisi fenomenologica dei temi appena descritti sarà condotta con una prospettiva transdisciplinare, grazie all’apporto di autorità sia dello Stato – esponenti delle forze dell’ordine, magistrati e prefetti ma anche docenti e ricercatori – sia del mondo ecclesiastico. Lo studio, in particolare della criminalità organizzata autoctona, cosa nostra, camorra, ‘ndrangheta, mafie pugliesi e stidda, consentirà di acquisire gli strumenti critici necessari alla comprensione:

della rilevanza delle suddette organizzazioni nel panorama criminale nazionale e internazionale e della capacità di riorganizzazione a fronte dei continui arresti dei capi; dei pericoli a esse collegati in modi più o meno nascosti; del rapporto delle stesse con le religioni.

Iscrizione e partecipazione

La partecipazione al percorso è del tutto gratuita; gli utenti non ancora registrati sui sistemi informatici della Pontificia Università Antonianum, perché mai iscritti alla stessa, potranno compilare e presentare la domanda di iscrizione all’indirizzo

Area Riservata

Torna su