Skip to content

Costruzione della pace in Europa da Sarajevo a Kiev

  • News

La Pontificia Università Antonianum e MEAN, Movimento Europeo di Azione Non Violenta hanno organizzato da martedì 30 a mercoledì 31 maggio 2023 la due giorni Costruzione della pace in Europa da Sarajevo a Kiev.

Con l’appuntamento si è inteso lanciare un appello affinché l’Unione Europea si ponga come garante della pace, all’interno dei propri confini e nel mondo, grazie all’istituzione dei corpi civili di pace europei, anche con il sostegno dei parlamentari della Repubblica Italiana.

Prima sessione

La prima sessione dell’iniziativa è stata dedicata, a partire dalle 15:30, al tema L’Europa alla prova della costruzione della pace globale: corpi civili di pace ed ecologia integrale. Dopo i saluti istituzionali dei prof. Agustín Hernández Vidales, Rettore Magnifico della Pontificia Università Antonianum, della prof.ssa Marianella Sclavi, portavoce di MEAN, Movimento Europero di Azione Non Violenta, e del prof. Giuseppe Buffon, Decano della Facoltà di Teologia della Pontificia Università Antonianum, il prof. Stefano Zamagni e Nader Akkad, Imam della Grande Moschea di Roma, sono intervenuti su Fratellanza umana e diplomazia delle culture per una pace globale, introdotti dal dott. Paolo Cancelli, Direttore dell’Ufficio Sviluppo, Promozione e Orientamento della Pontificia Università Antonianum.

Dalle 17:00, poi, Angelo Moretti, portavoce di MEAN, Movimento Europeo di Azione Non Violenta, Luisa Del Turco, Direttrice di Centro Studi Difesa Civile, Bernardo Venturi, Agency for Peacebuilding, Gaetano Visalli, Peace Cooperation Academy, e Pier Virgilio Dastoli, Presidente di Movimento Europeo, hanno discusso di Corpi civili di pace, tra ascolto e riconciliazione, moderati da Riccardo Bonacina, fondatore di Vita Non Profit Magazine.

Nel corso della discussione è stata data lettura dei messaggi di Edi Rabini, fondatore di Fondazione Alex Langer Stiftung, ONLUS, e di Luigi Bobba, Presidente di Fondazione Tertjus ETS.

Seconda sessione

I lavori della seconda sessione sono stati aperti, alle 15:30, dagli interventi del cardinale Matteo Maria Zuppi, Presidente della Conferenza Episcopale Italiana, e da fr. Massimo Fusarelli, MInistro Generale dell’Ordine dei Frati Minori, a cui hanno fatto seguito la proiezione di ResiStand, documentario sull’inaugurazione del Peace Village nella città di Brovary, a venti di km da Kiev, e due momenti di discussione sui temi Proposte di pace integrale e Una domanda, tante risposte, con i contributi di Alexander BayanovMarco Bentivogli, fondatore di BASE Italia, Riccardo Bonacina, prof. Giuseppe Buffon, Gianluca Cantisani, Presidente Mo.VI, Movimento di Volontariato Italiano, Mario Cucinella, prof. Massimo De Maio, Pontificia Università Antonianum, Mariagrazia Guida, Presidente Associazione Amici Casa della Carità, Angelo Moretti, Giuseppe Notarstefano, Presidente di Azione Cattolica Italiana, don Giacomo Panizza, Presidente di Comunità Progetto Sud, e Tetyana Shyshnyak, MEAN, Movimento Europeo di Azione Non Violenta.

Social Network

Area Riservata

Torna su